Benvenuta/o su Studio di Osteopatia a Brescia - chiamaci per un consulto al +39 331 7723977 oppure al +39 328 2731176

Riallineamento dell'atlante, la strada naturale per la salute

La prima vertebra cervicale C1 o Atlante (dalla figura mitologica del titano che sosteneva il peso del Mondo sulle proprie spalle) sostiene e bilancia su di sè tutto il peso del capo, circa 5 kg. Quando l'Atlante è perfettamente allineato, il peso del capo cade al centro della base di appoggio, senza inclinazioni o rotazioni.


Questa vertebra accoglie le superfici articolari della base cranica nella sua concavità, perfetta per donare mobilità e stabilità ma vulnerabile dal mantenimento di cattive posture durante la vita (smartphone), da sforzi o traumi alla testa/collo. Una volta che l'atlante si sposta, i possenti muscoli suboccipitali e i robusti legamenti tra base cranica e Atlante si irrigidiscono molto, mantenendo per sempre la disfunzione.


Quando l'Atlante è posizionato correttamente come nella tomografia 3D qui sotto, i due Nervi Vaghi sono liberi e le arterie vertebrali forniscono il corretto flusso di sangue al cervello. Queste arterie passano all'interno di appositi forami nelle vertebre cervicali, fanno uno stretto gomito nei forami dell'atlante e entrano nel cranio da dietro.


Nella realtà molto comunemente troviamo l'atlante spostato, più spesso inclinato a sinistra e ruotato a destra, o traslato lateralmente. L'arteria vertebrale dal lato della rotazione dell'atlante viene mantenuta stirata nella membrana atlooccipitale posteriore e nella dura madre e il flusso sanguigno al cervelletto si riduce (per esempio, se l'atlante ruota a sx, si stira la sx). Dalla parte opposta, l'avanzamento della lunga massa laterale dell'atlante schiaccia l'arteria carotide interna e riduce la sua portata di sangue nel cervello, lo stesso accade per il nervo Vago e la vena Giugulare Interna.


L'irritazione del Nervo Vago o Pneumogastrico dà nausea, vertigini, mal di testa, tachicardia, aritmie, sudorazione eccessiva, disturbi della digestione come reflusso gastroesofageo, gastrite, stitichezza, colon irritabile, svenimenti, disfagia (difficoltà nel deglutire, i cibi "vanno di traverso"), stanchezza, depressione.


Ma il Vago è importante anche per molti altri organi perché innerva anche la tiroide, i polmoni, il cuore, i reni, il fegato, la cistifellea. Un nervo così fondamentale per la salute ma così vulnerabile, appoggiato davanti alla massa laterale di una vertebra che se in disfunzione si può spostare di alcuni millimetri di traslazione laterale rispetto al cranio e fino a 8° di rotazione e inclinazione laterale!


La malposizione dell'Atlante può provocare ipersensibilizzazione del bulbo cerebrale con forti attacchi di mal di testa, oltre ad alterazioni posturali globali con slivellamento del bacino, falsa gamba corta, una spalla più alta dell'altra e conseguenti dolori di spalla, ginocchio, piede e di tutte le zone che devono compensare queste alterazioni, dando quindi dolori cervicali, mandibolari, lombari, protrusioni e ernie discali.


Per esempio, se l'Atlante è spostato posteriormente rispetto al cranio, la colonna sarà troppo curva, se anteriormente sarà troppo dritta. Se è solo ruotato, ci sarà una rotazione di compenso in altre aree (spalle, bacino, piedi) e un forte disturbo sul nervo Vago e arteria vertebrale, mentre se la disfunzione è più complessa con traslazione laterale e inclinazione laterale che coinvolge anche C2, oltre a disturbare nervo Vago e arteria vertebrale, determina un atteggiamento simil- scoliotico con una spalla più alta dell'altra e il bacino inclinato da una parte, mentre la testa si posiziona a destra o a sinistra della base d'appoggio.


Il nostro obiettivo per essere veramente efficaci deve essere NON SOLO ACCONTENTARCI DI SBLOCCARE, MA RIALLINEARE IL PIU' POSSIBILE L'ATLANTE.


Per fare questo, prima di correggere l'articolazione dobbiamo "prepararla" rilassando i tessuti che mantengono la disfunzione, tra cui muscoli e legamenti della base cranica e soprattutto il muscolo piccolo retto posteriore del capo (importantissimo perchè le sue espansioni si fissano direttamente sulla dura madre del midollo spinale!) e la membrana atlo-occipitale, le vere chiavi nel riallineamento dell'atlante.


COME RIALLINEIAMO L'ATLANTE? LA CORREZIONE E' PERICOLOSA?


Esistono poche tecniche veramente sicure in un distretto così delicato. Molti movimenti tradizionali osteopatici e chiropratici che comprendono ampie rotazioni, trazioni e forti manipolazioni hanno sempre una piccola percentuale di rischio, oltre a non dare, spesso, un buon riposizionamento. Per questo motivo, dopo aver studiato e approfondito con passione la meccanica cervicale per quattordici anni con la fisioterapia, l'osteopatia e la posturologia, abbiamo scelto l'utilizzo di uno strumento ad alta precisione che fornisce la forza perfetta in impulsi meccanici vibratori precisamente dosabili e direzionabili, che vengono somministrati al paziente con il collo in posizione neutra. Nessun rischio per le arterie vertebrali di venire trazionate o occluse anche solo temporaneamente. Gli input dell'attivatore sono molto delicati e quindi possono essere ripetuti più volte fino ad allineare perfettamente l'atlante, anziché richiedere un singolo gesto manuale non ripetibile perché troppo intenso. Il vostro collo sarà perfettamente al sicuro e in comfort durante la correzione.


NAVIGANDO IN INTERNET SU ALTRI SITI SEMBRA CHE RIALLINEANDO L'ATLANTE SI POSSANO CURARE TUTTE LE PATOLOGIE. E' COSI'? 


Ovviamente no, anche se la cervicale alta è una vera zona chiave perchè:

  1. è ricca di strutture vitali 
  2. è al contempo molto "delicata", esposta a traumi, colpi di frusta, problemi di masticazione, visione e postura
  3. al contrario di altre zone della colonna, ha la particolarità meccanica di mantenere le disfunzioni nel tempo per irrigidimento dei suoi muscoli e legamenti molto grossi e forti. Quindi si trova molto spesso in forte disfunzione. Per questo correggere la vertebra Atlante dà così tanti benefici; naturalmente non tutti i problemi partono da qui (sarebbe troppo facile...!). Una completa valutazione posturale e osteopatica è necessaria per capirlo e per questo è necessario un professionista ampiamente formato.

Contattaci adesso per il riallineamento dell'atlante!

Cerchi uno studio di osteopatia a Brescia? Per qualsiasi dubbio, domanda, problema, per prenotare un visita o per chiederci informazioni, chiamaci al +39 331 7723977 oppure al +39 328 2731176 oppure compila il modulo qui sotto.

Studio di Osteopatia a Brescia,

Quartiere G.C. Abba, via Tredicesima n.4, 25127, Brescia
tel: +39 331 7723977
tel: +39 328 2731176

Email: studio@osteopatiabrescia.it.it


Vieni a seguirci su Facebook:

Vuoi parlare con noi? Contattaci tramite il modulo qui sotto e ti risponderemo il prima possibile: